Piazza San Pietro

Piazza San Pietro col suo colonnato incornicia la più grande Basilica della Cristianità

In questi luoghi sorgevano il circo e i giardini di Nerone, dove molti cristiani tra cui San Pietro subirono il martirio.

Al centro di Piazza San Pietro troviamo l’obelisco egiziano senza geroglifici costruito sotto Ramsete II e fatto trasportare a Roma da Caligola nel 37 d.C. per decorare il “foro Iulii”. 

Papa Sisto V lo fece trasportare nel 1586 e 70 anni dopo, quando Bernini successe al Maderno ai lavori per la Basilica, si diede inizio alla costruzione del grande colonnato ellittico che incornicia la facciata e delimita la piazza. 
Esso è composto da una quadruplice fila di 284 colonne e 88 pilastri posti a formate una pianta ellittica che nell’idea dell’artista serviva a “raccogliere” il mondo della Cristianità.

Nella parte superiore del Colonnato, in corrispondenza di ogni colonna, si trovano 140 statue alte quasi 3 metri che raffigurano, tra gli altri, San Paolo, Santo Stefano, San Francesco d’Assisi, diversi papi e martiri.

Tra le ali ellittiche e la facciata della Basilica vi è un grande Sagrato di forma rettangolare. 

Nel 1936 venne costruita Via della Conciliazione che dà accesso simmetrico e monumentale alla Piazza. Per tale operazione venne sacrificato l’antico e pittoresco borgo medioevale e rinascimentale con le sue strette e caratteristiche vie. Questa discussa realizzazione aveva anche lo scopo di porre fine al secolare dissidio tra Stato e Chiesa.

Il Colonnato, inoltre, segna il confine tra lo Stato della Città del Vaticano e l’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto
error: Content is protected !!