La Diga del Vajont

La diga del Vajont è stata progettata nel 1926 dall’ingegnere Carlo Semenza, e successivamente costruita tra il 1957 e il 1960 nel comune di Erto e Casso in provincia di Pordenone.

Lo scopo della diga era di fungere da serbatoio idrico di regolazione stagionale per le acque del fiume Piave.

La diga è alta 261,60 metri e all’epoca era la diga più alta del mondo.

Alle ore 22.39 del 9 Ottobre 1963 un versante del Monte Toc franò nel lago artificiale della diga provocando il disastro.

La valanga d’acqua superò la diga incanalandosi nella valle del Piave e spazzò via il paese di Longarone con i comuni limitrofi: oltre 2.000 furono le vittime.

Moltissime persone non furono nemmeno ritrovate, rimaste sepolte da strati di acqua e fango.

La marea di detriti seguì il corso del fiume Piave, arrivando a sfociare pochi giorni dopo nel mare Adriatico.

La diga, nonostante la frana e l’enorme sollecitazione provocata dall’acqua, rimase intatta.

Le cause principali del disastro furono legate ad alcuni fattori geologici ma soprattutto alle gravissime negligenze legati ai reali rischi e pericoli dando prevalenza agli interessi economici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
error: Content is protected !!