Erto e Casso

Il comune di Erto e Casso, situato nella Valle del Vajont, si trova in provincia di Pordenone al confine con la provincia di Belluno.

L’esistenza di Erto è documentata da resti di età romana e da un atto di donazione di Sesto al Reghena risalente all’VIII secolo, mentre l’origine di Casso, più recente, è attestata nel secolo XI.

Tra i due abitati permangono anche notevoli differenze linguistiche: a Erto si parla un dialetto intermedio tra il ladino dolomitico e il friulano, mentre a Casso un dialetto veneto bellunese, simile al veneto arcaico. Anche dal punto di vista ecclesiastico i due abitati sono separati: Erto fa parte della diocesi di Pordenone, mentre Casso è in diocesi di Belluno-Feltre.

Fino alla fine del 1950 la comunità era profondamente legata all’economia agricola tradizionale, integrata con il piccolo commercio ambulante. A cavallo tra gli anni ’50 e ’60, la SADE realizzò il progetto di utilizzo della valle del Vajont come bacino artificiale. Nel 1960, in occasione dell’inizio del primo invaso di collaudo, si verificarono due frane: di conseguenza, venne disposto il monitoraggio del versante instabile, dell’estensione di 200 ettari. Il serbatoio venne nuovamente collaudato effettuando un secondo riempimento nel 1962 e un terzo nell’anno successivo. Nonostante l’imminenza della frana non vennero adottate misure adeguate di protezione degli abitati.

La notte del 9 ottobre 1963 dal vicino Monte Toc, situato di fronte alle frazioni di Erto e Casso, si staccò una parte della montagna che finì nel sottostante bacino idrico delimitato dalla diga del Vajont. Le onde che ne scaturirono distrussero completamente alcuni borghi vicini e parte dei due comuni.

Questo tragico episodio, le cui vittime a Erto e Casso furono 347, è noto come disastro del Vajont.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
error: Content is protected !!