Cattedrale di Notre Dame – Parigi

La Cattedrale di Notre Dame venne costruita nel 1163 su una piccola isola presente nel fiume Senna. Per la sua realizzazione servirono quasi 100 anni, ma è stata ulteriormente modificata durante il passare dei secoli. I restauri più importanti furono eseguiti alla fine del XIX secolo quando, vennero riparati i danni subiti durante la Rivoluzione Francese.

In questo luogo originariamente si trovava un piccolo tempio romano dedicato al culto di Giove.

La Cattedrale di Notre Dame deve il proprio nome alla statua della Vergine con il Bambino, situata nella colonna a sud-est del transetto.

Nessuna delle vetrate originali è giunta ai giorni nostri avendo subito numerose sostituzioni durante i secoli. Le attuali vetrate sono del 1965. All’interno della Cattedrale si trovano alcune delle reliquie più importanti del mondo cristiano come la Corona di Spine, un chiodo ed un pezzo della Croce Santa.

La facciata della Cattedrale è caratterizzata da 3 portali, in quello centrale si trova il Giudizio Universale ed è stato costruito tra il 1210 e il 1240 poi restaurato nel 1772.

La decorazione della lunetta si divide in parte superiore e parte inferiore. Nella parte superiore si trova Cristo in posizione eretta, con la mano destra in atto di benedizione mentre con la sinistra tiene il libro dei Vangeli. Ai suoi lati sono raffigurati la Madonna e San Giovanni Evangelista. In quella inferiore si trovano i 12 apostoli, le 12 virtù e i 12 vizi. Ai lati della lunetta è raffigurata la risurrezione dei morti.

Sul tetto, interamente costruito in legno, era presente la Flèche costruita nel 1250 ma poi demolita nel 1792. Venne nuovamente costruita nel 1858 in legno. Sulla sommità della Flèche si trovava la statua segnavento a forma di gallo contenente una spina della Sacra Corona e alcune reliquie di San Dionigi e Santa Genoveffa.

Il 15 aprile 2019 la Cattedrale venne colpita da un grave incendio che ne provocò il totale collasso della Flèche e del tetto. Il lavoro incessante dei vigili del fuoco riuscì a mettere in salvo la struttura portante e le reliquie presenti sia all’interno della Cattedrale che quelle presenti nel gallo segnavento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto
error: Content is protected !!