Museo del KGB/Museo delle occupazioni e delle lotte per la libertà – Vilnius

Il Museo delle occupazioni e delle lotte per la libertà è stato istituito nel 1992. Dal 1944 al 1991 fu la sede della polizia segreta sovietica, nota con la sigla di KGB. Qui venivano imprigionati ed interrogati i dissidenti del regime. 

Al primo piano del museo (ex ufficio del vice-capo del KGB lituano) si trova una mostra di documenti, fotografie, mappe e altri oggetti raffiguranti la sovietizzazione lituana nel 1940-1941. 

La mostra è dedicata anche alla guerriglia partigiana territoriale del 1944-1953 contro la resistenza armata sovietica e alla deportazione in Siberia dei dissidenti lituani.

Il seminterrato dell’edificio contiene l’ex prigione del KGB con relative celle di isolamento per interrogatori dove venivano reclusi i prigionieri lituani sospettati dalle autorità di occupazione dall’autunno del 1940 fino al 1987. 

Sono visitabili gli uffici dei secondini, le celle di detenzione, di isolamento e gli spazi dove avvenivano le esecuzioni, spesso sommarie, dei condannati a morte.

All’esterno, sui muri in granito del palazzo, una parte del quale è oggi sede della Corte d’Appello, sono stati incisi i nomi di tutti coloro che qui furono vittime del KGB.

Nel 2018 Papa Francesco durante il suo Viaggio Apostolico nelle Repubbliche Baltiche ha visitato questo museo/memoriale soffermandosi in particolare su due celle di isolamento, la n. 9 e la n. 11, della larghezza di 60cm. Nella cella numero 11 sono esposte le fotografie e le storie di alcuni vescovi cattolici perseguitati per la loro fede, tra cui l’arcivescovo Teofilo Matulionis, proclamato beato il 25 giugno 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto
error: Content is protected !!