Amsterdam

Nata da un villaggio di pescatori nel XIII secolo, conosciuta come la “Venezia del Nord”, Amsterdam è una città interamente costruita su isolette del fiume Amstel e del lago Ij. Più di 165 canali per 100 km di lunghezza avvolgono la capitale olandese.

Sono presenti molte zone d’interesse ad Amsterdam ma le principali sono: Piazza Dam con il Castello Reale, il Begijnhof, il Museo Van Gogh, il quartiere a luci rosse e i famosi coffee shop.

Piazza Dam prende il nome da una diga (dam) costruita nel 1270 sul fiume Amstel. Il punto più importante della piazza è il Palazzo Reale, costruito nel XVII secolo come Municipio per testimoniare la ricchezza della Repubblica Olandese, l’edificio venne trasformato nel 1808 da Luigi Bonaparte in Palazzo Reale. Oggi il Palazzo Reale non è più la sede ufficiale della monarchia olandese ma viene usato dalla famiglia reale solo per le festività solenni e le visite di Stato. 

Il Begijnhof di Amsterdam è un antico beghinaggio costituito da un cortile chiuso risalente agli inizi del 1300. Si trova nel centro di Amsterdam e dietro una porta alquanto anonima di Spuistraat si nasconde un cortile interno impreziosito da curati giardini e da una chiesa centrale su cui si affacciano case tipiche dell’architettura olandese. 

Il museo Van Gogh è visitato da più di un milione di persone ogni anno che possono scoprire qui le opere di un artista la cui vita professionale durò solo dieci anni dal 1880 al 1890. Affetto da disturbi mentali, Van Gogh si dedicò per lo più ad autoritratti, nature morte, paesaggi, campi di grano e girasoli. All’interno del museo la collezione è arricchita da altre opere di artisti come Paul Gaugain e Henri de Toulouse-Lautrec. All’interno del museo Van Gogh si trova una vastissima collezione di opere con quasi 900 tele.  Le sue opere più famose presenti in questo museo sono “i mangiatori di patate”, “camera da letto” e i “Girasoli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto
error: Content is protected !!