Museo Nazionale del Kosovo e Moschea Xhamia e Madhe – Pristina

Costruito nel 1889, questo edificio in stile austro-ungarico ospita il Museo Nazionale del Kosovo dal 1949.

Il Museo ha lo scopo di preservare e proteggere il patrimonio culturale del Paese attraverso una collezione di più di 50.000 reperti di vario genere. Qui si possono ammirare figurine neolitiche, resti di epoca romana, utensili, oggetti di gioielleria e armamenti. 

Simbolo della collezione è la cosiddetta Dea sul Trono, una figurina in terracotta risalente al 4000 a.C., l’immagine della Dea è utilizzata come emblema della capitale.

Durante il periodo romano, Ulpiana, un insediamento vicino a Pristina, è stato uno dei più importanti centri romani dei Balcani.

Pristina, come del resto tutto il Kosovo, ha subito la conquista da parte dell’Impero Ottomano, periodo storico che finì nel 1912, quando il Kosovo cadde sotto il dominio serbo.

Il Museo del Kosovo aveva una ricca collezione di manufatti preistorici, la maggior parte dei quali fu portata a Belgrado prima della guerra nel 1999. Attualmente, il Museo insieme al Governo del Kosovo si sono impegnati a far ritornare i 1200 reperti più importanti per il patrimonio culturale del Kosovo.

Conosciuta come la Grande Moschea (Xhamia e Madhe), la Moschea del Sultano Mehmed II al-Fatih è stata costruita nel 1461 ed è uno dei più antichi edifici ottomani sopravvissuti in Kosovo.

La grande cupola di 15 metri e l’uso innovativo di pendenti per sostenerla, insieme al grande portico e agli elaborati arabeschi, rendono questa moschea una delle più affascinanti del Paese. 

Fu usata brevemente come chiesa nel 1689 durante le guerre austro-turche. 

L’edificio sopravvissuto è stato ristrutturato nel 1682 mentre il minareto è stato ricostruito dopo i danneggiamenti subiti da un terremoto nel 1955. 

Un commento su “Museo Nazionale del Kosovo e Moschea Xhamia e Madhe – Pristina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto
error: Content is protected !!