San Siro – Milan e Inter

Lo Stadio San Siro, chiamato così per il nome del quartiere milanese in cui è situato, è intitolato dal 1980 a Giuseppe Meazza, uno dei più grandi calciatori italiani, che nel corso della sua carriera ha vestito le maglie di Inter e Milan.

Considerato uno dei simboli della città di Milano, nonché uno dei più celebri stadi al mondo, lo Stadio San Siro si è conquistato il nome di “La Scala del Calcio” per il suo prestigio e l’importanza. 

Nel 1925 il Presidente del Milan, Piero Pirelli, sollecitò la costruzione di uno stadio calcistico nelle vicinanze dell’Ippodromo.

Il Comune di Milano, dopo aver acquistato lo stadio, avvia nel 1935 una prima operazione di ampliamento che dà luogo alla costruzione di quattro curve unendo così le tribune già esistenti e incrementando la capienza fino a 55.000 posti.

Nel 1955 venne realizzata una struttura portante per un secondo anello di tribune che sovrastano, e in parte coprono, le vecchie tribune. La capienza totale sale così a 85.000, di cui circa 60.000 a sedere

In occasione della Coppa del Mondo di calcio del 1990, il Comune di Milano decide di dare inizio a un profondo rinnovamento dello stadio optando per la progettazione di una soluzione architettonicamente sorprendente, attraverso la costruzione di un terzo anello e la copertura di tutti gli 85.700 i posti a sedere.

Lo Stadio di San Siro con i suoi 75.817 posti è ad oggi il più capiente d’Italia.

Durante il tuor guidato si può ripercorrere il vero itinerario dei calciatori, passando dalla zona mista agli spogliatoi di entrambe le squadre; successivamente il tunnel d’entrata al campo, in fondo al quale si aprirà la vista più emozionante e magica della “Scala del Calcio”. 

Il Museo di San Siro, il primo in Italia allestito all’interno di uno stadio, racconta la storia delle due squadre milanesi Inter e Milan, attraverso una raccolta di cimeli unici al mondo: maglie storiche, coppe e trofei, scarpe, oggetti d’arte, ricordi di ogni genere che sono entrati nella leggenda del calcio mondiale, ma soprattutto nel cuore dei tifosi del calcio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
error: Content is protected !!