Biblioteca Nazionale del Kosovo e Newborn – Pristina

L’edificio che ospita la Biblioteca Nazionale del Kosovo venne ultimato solo nel 1986, in forte ritardo rispetto a quanto previsto e in un periodo particolarmente difficile per la Repubblica Socialista Federale Jugoslava che stava entrando in un grave periodo di crisi economica.

Si tratta di un fabbricato che occupa circa 16.500 mq composto da 99 cupole di diverse dimensioni ed interamente coperto da una rete di metallo.

Al suo interno si trovano ampie sale di lettura, sale che ospitano mostre temporanee, collezioni speciali e un anfiteatro di 150 posti, mentre l’atrio è spesso utilizzato eventi culturali. L’atrio ha un pavimento mosaicato e si trova sotto la più grande cupola della biblioteca. L’idea dell’architetto era quella di mescolare tra loro, in uno stile completamente moderno, l’architettura bizantina e islamica.

Oggi, la Biblioteca Nazionale si pone l’importante obbiettivo di raccogliere, preservare e rendere accessibile il grande patrimonio letterario e culturale della nazione. All’interno della biblioteca sono conservati oltre 2 milioni di libri, alcune collezioni di libri antichi, vecchi giornali e riviste, manoscritti albanesi in latino e greco e preziosi testi arabi.

L’edificio che ospita la Biblioteca Nazionale è uno dei più discussi e meno amati della nazione essendo un chiaro esempio di architettura socialista jugoslava.

Il monumento Newborn è una delle attrazioni turistiche più conosciute in città. 

Si tratta di un’installazione artistica, lunga 24 metri, caratterizzata dalla scritta in lingua inglese “Newborn”. Il monumento è stato inaugurato il 17 febbraio 2008, il giorno in cui il Kosovo ha dichiarato l’indipendenza dalla Serbia.

Inizialmente la scritta è stata dipinta con un giallo pallido e successivamente è stata riempita con le bandiere dei paesi che hanno riconosciuto il Kosovo. 

Ad ogni anniversario la tematica della scritta cambia focalizzando l’attenzione spesso su temi ambientali e di uguaglianza.

La parola “Newborn” rappresenta la nascita di un nuovo paese ed è stata espressa in lingua inglese perché fosse di facile comprensione per tutti, sottolineando come il Kosovo sia un paese che punti all’innovazione. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto
error: Content is protected !!